Acquisizione clientela: le strategie nel 2021

Acquisizione clienti

Il consolidamento di un’impresa prevede uno step fondamentale: acquisizione clientela. In questo articolo ti illustro le strategie di acquisizione clientela online più efficaci nel 2021.

Per un attore economico è prioritario acquisire nuovi clienti quasi quotidianamente. E alla domanda “come attrarre nuovi clienti?” non c’è una risposta univoca. In vista della variabilità del consumatore, quest’ultimo risulta più difficile da conquistare e fidelizzare. Proprio a tal fine esistono diversi strumenti e strategie.

I clienti digital sono infedeli, alla costante ricerca di innovazione e sperimentazione, cambiano spesso gusti, abitudini, marca, punto vendita, app o piattaforme e-commerce.

Il consumatore è always on, è interconnesso e agisce attivamente nei mercati in cui vuole entrare in contatto diretto con l’azienda. Per questo Google ha introdotto il concetto Zmot (Zero Moment Of Truth), un termine che ha rivoluzionato il processo d’acquisto dei consumatori. Indica il momento delle ricerca che compie l’utente prima di acquistare il prodotto. Egli si destreggia nelle comunità online e offline, recensioni, social network, schede prodotto, app e altri strumenti utili per cercare informazioni utili per soddisfare il suo bisogno.

Scopri come attrarre clienti con l’Inbound Marketing

Inbound Marketing

Con il boom della connessione mobile oggi parliamo di micro momenti in cui il consumatore, cercando informazioni su un prodotto o servizio, dà inizio al viaggio che lo porterà al contatto con un’azienda. Ogni istante della giornata è un momento perfetto per avviare le ricerche per soddisfare uno stimolo. 

E come cercare clienti in questo caso? Il bello di questa rivoluzione è che, è proprio il consumatore ad attivarsi per cercare informazioni quando, dove e come vuole lui. L’azienda d’altro canto deve solo intercettare tutti i possibili Zmot.

Per intenderci è importante presidiare in maniera organica tutte le occasioni di contatto con il consumatore. La strategia più efficace da seguire è Inbound Marketing, tramite la quale l’impresa si posizione come la soluzione e l’unica scelta al bisogno del cliente. Per soddisfare lo stimolo e venire incontro al cliente con i prodotti e servizi bisogna essere presenti, utili, veloci e regalare esperienze soddisfacenti.

Le strategie su come trovare nuovi clienti iniziano sempre con una profonda analisi situazionale. Il passo fondamentale è conoscere nei minimi dettagli i consumatori, per farlo è utile realizzare le Buyer Personas, ossia un prototipo di cliente con cui si vuole interagire. 

Sfrutta le conoscenze che hai in possesso oppure utilizza gli strumenti disponibili in rete per indagare e definire i clienti ideali a partire dal genere, età, località, bisogni, preoccupazioni e obiettivi. Queste caratteristiche guideranno la stesura del Customer Journey, l’ipotetico percorso d’acquisto che porterà il consumatore dritto alla tua azienda. 

Il Customer Journey costituisce una risorsa strategica attraverso cui l’impresa può orientare al meglio i suoi investimenti. Conoscere il comportamento del consumatore costituisce per l’impresa una risorsa, grazie alla quale si potranno pianificare gli interventi di marketing su misura del consumatore, rendendo così migliore l’intera esperienza d’acquisto.

Per garantire esperienze ottimali ogni buona strategia deve essere impostata nell’ottica dell’omnicanalità, con cui è possibile garantire la massima coerenza tra i vari touchpoint in cui il cliente si incontra con l’azienda. 

Inconnect può accompagnarti in questo percorso con un’attenta analisi del tuo business e consigliarti la strada più giusta da prendere.

Potrebbe interessarti anche: Il Customer Journey: come rendere unica un’esperienza d’acquisto

blank

Come acquisire nuovi clienti con il Sito web

Sito web attraente

Il processo di acquisizione clientela inizia nel momento in cui l’azienda risponde concretamente al bisogno. Per intercettare i consumatori la visibilità, pertinenza, qualità e reputazione sono fondamentali in ogni strategia online e offline. Il primo passo sta nell’essere visibili, ma ricorda sempre che senza un content marketing di qualità e attenta pianificazione di ogni azione non si ottengono risultati.

Vediamo dunque alcuni strumenti, tecnologie e possibili strategie da adottare. 

Sito web attraente  

Il sito web è il volto con cui ci si presenta al cliente. È il primo strumento che espone l’azienda e la sua offerta. Un sito accattivante attira le persone a partire dal layout, grafica, design intuitivo e responsive, con testi chiari, semplici e persuasivi capaci di narrare la tua storia. Non dimenticare anche che, per essere visibile è necessario ottimizzare i testi in ottica SEO per i motori di ricerca per poter apparire nelle prime pagine. É un po’ come essere sugli scaffali del supermercato, se sei in fondo nessuno ti sceglie. 

Fermati a pensare quali sono realmente i tuoi obiettivi. Se sei un imprenditore e vuoi vendere il tuo prodotto o servizio il sito web è lo strumento ideale per attirare nuovi contatti e convertirgli in clienti. Parti sempre da un’analisi profonda o affidati al nostro team di esperti per la creazione di siti internet e per capire come meglio impostare strategicamente la tua presenza online.

Conoscendo il tuo cliente-tipo potrai in seguito decidere quale operazione di web marketing fa a caso tuo. Nel mentre, te ne presento una: il blog. 

Pubblicare articoli può essere una strategia per acquisire nuovi clienti molto efficace. Entriamo in merito al content marketing di cui il blog è un fedele alleato. 

Nel blog puoi trattare diversi argomenti, relativi alla tua attività e correlati al tuo settore, puoi utilizzarlo per promuovere il tuo business online e farti conoscere meglio.

Il blog è strumentale all’inbound marketing perché aiuta a convertire i visitatori in clienti con cui intrattenere una relazione dinamica basata sull’ascolto attivo e sulla risposta ai loro dubbi. E poi, è un’occasione ideale per far conoscere qualcosa in più sul tuo settore o attività per chi si trova sprovvisto di informazioni. 

Pensa, infine, a delle strategie di invito all’azione (Call To Action) con cui effettivamente convertire un visitatore in contatto. Queste possono essere diverse e dipendono dall’attività che stai promuovendo. Ti porto alcuni esempi: iscriversi alla newsletter, chiamare per informazioni, chiedere un preventivo. Alcune di queste ti consentiranno di creare un database di contatti a cui puoi applicare determinati programmi di fidelizzazione e perseguire con successo la tua strategia di acquisizione clientela.

Se vuoi approfondire il content marketing, potrebbe interessarti anche:

• Blog aziendale: come realizzarne uno di successo

• Come impostare una content strategy vincente

blank

E-mail marketing

Se ti chiedi se ci sono altri modi su come attrarre clienti allora te ne presento un altro: il Direct Marketing. In sostanza si tratta di attività di email marketing che prevedono l’invio di messaggi per persone che hanno lasciato il proprio contatto, magari proprio sul tuo sito.

Con l’e-mail si ha la possibilità di lavorare da una parte sull’acquisizione clientela e, dall’altra sulla fidelizzazione.

Prevedere, in particolare, la Newsletter sul proprio sito può essere la strada giusta con cui stuzzicare la curiosità sull’offerta e generare traffico. Intraprendere la strada del Direct Marketing risponde a concreti obiettivi di marketing e scaturisce da una profonda conoscenza del tuo cliente. Nulla si fa a caso, pertanto è bene ragionare in anticipo su cosa si vuole ottenere. Per avere risultati nel DM sono necessari poi alcuni accorgimenti.

L’e-mail marketing parla direttamente al cliente, e dunque ogni contenuto deve essere pensato con il linguaggio adatto e vicino al consumatore. Decidi fin da subito quale sarà il tone of voice, il layout e l’argomento principale con cui racconterai la tua Brand Identity; rispettare la coerenza nel tempo è un prerequisito per un’email marketing di successo.

La struttura della stessa mail deve essere professionale soprattutto nell’oggetto, chiara identità del mittente, invito all’azione e anche la possibilità di annullare l’iscrizione alla mailing list. Uno dei motivi dell’aumento del tasso di disiscrizione è il fatto che molti non sanno nemmeno come sono finiti nella tua mailing list; dare la possibilità di annullare l’iscrizione è sinonimo di professionalità e sicurezza.

Il trucco finale sta nell’inviare email personalizzate a seconda della posizione del cliente nei confronti dell’azienda. Se è un primo contatto allora presentati con una mail di benvenuto, altrimenti puoi optare per email con promozioni, codici sconto esclusivi e offerte speciali per invogliare ad acquistare ancora.

Non bombare di mail, scegli la giusta frequenza di invio e programma email specifiche con contenuti che sei certo il cliente apprezzerà. Infine, è bene rammentare che gran parte degli utenti apre le e-mail dal mobile, quindi è un’accorgimento strategico renderle mobile friendly.

Social Media

Social Media per business

Ogni canale social come Youtube, Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn e TikTok risponde a concreti obiettivi di marketing. Attraverso gli Analytics è possibile conoscere a fondo i consumatori, le loro caratteristiche e bisogni, e dunque scegliere il canale e il messaggio più adatti per conquistarli, soprattutto perché ogni canale ha un pubblico diverso.

I social non nascono per essere canali di vendita, bensì di intrattenimento perciò, nella content strategy, l’obiettivo da perseguire sarà quello di fidelizzazione ed engagement. Per ogni canale per te sarà importante aumentare il numero dei follower, delle views e altri tipi di azioni.

Perché e come aumentare i followers su Facebook

Facebook è uno dei social più popolari nel mondo, in Italia è popolato principalmente da utenti adulti, anche se il bacino di iscritti è davvero molto ampio. Come ogni altro social, per le aziende è importante sviluppare una community attiva, la quale oltre ad affezionarsi all’azienda e al suo prodotto possa anche diventare ricca di clienti fedelissimi.

Fb offre la possibilità di condurre il target verso l’offerta grazie alla semplicità d’utilizzo. La possibilità di creare communities lo arricchisce di capitale umano e promuove interazioni di vario genere. 

Permette di condividere in modo semplice e diretto i post agli amici a differenza Instagram che limita la scelta a stories o direct. La missione della presenza su FB si può tradurre nel far convergere il traffico verso un sito web aziendale e sviluppare il senso di appartenenza alla community. 

Sul come aumentare i followers esistono davvero tante strategie, ma quella più efficace è la content strategy. Pubblica contenuti coinvolgenti, di qualità, vicini al target, interagisci, ascolta attivamente, e programma le tue azioni con costanza. Nel tempo è la strategia migliore. 

Ricorda che soprattutto sui social devi avere una chiara Brand Identity e curare in modo professionale i tuoi profili aziendali. Una volta online all’occhio degli utenti non sfugge proprio niente, sei sotto i riflettori 24/24.

Come aumentare i followers su Instagram

Instagram è un social popolato da utenti giovani e adulti. Parliamo di un canale interattivo che permette di instaurare una relazione più dinamica con il target tramite stories, IGTV, dirette e post con il link di rimando al sito web. 

La struttura grafica del social è mobile friendly ed è centrata sull’impatto visivo; infatti, predomina il visual content. Lo stile spontaneo rende IG pratico e usability. 

La missione della presenza su IG per la tua azienda può essere quella di creare engagement ma anche conversione. Grazie agli ultimi aggiornamenti di questa piattaforma puoi davvero entrare a far parte del social commerce se questo rispecchia i tuoi obiettivi.

Posta contenuti accattivanti capaci di attirare l’attenzione, usa gli hashtag in modo strategico, coinvolgi gli utenti con UGC (user generated content). Più fai vedere la personalità del tuo brand più sarai apprezzato. 

Come funziona Twitter e perché usarlo per l’azienda

Twitter è popolato dal target giovane e adulto molto attivi e pronti ad esprimere la loro opinione in ogni momento. Conta 2.80 milioni di utenti in Italia.

Con il microblogging hai l’opportunità di allargare la notorietà del brand generando il passaparola e la costruzione della reputazione online. La missione della presenza su Twitter riguarda la diffusione delle informazioni in modo rapido e ad ampio raggio. 

Presidiare questa piattaforma dà il vantaggio di poter monitorare la brand reputation, inserirsi nelle conversazioni, offrire assistenza clienti tempestivamente, interagire attraverso sondaggi e domande dirette.

Twitter è una piattaforma versatile ed immediata, e se i tuoi clienti lo frequentano allora puoi valutare la possibilità di aprire un profilo social aziendale proprio lì. Grazie ai trending topics puoi essere presente e rilevante nel momento e luogo giusto. La parola d’ordine su Twitter, ma che vale per tutti gli altri canali, è essere autentici.

Come aumentare le visualizzazioni Youtube

In Italia, YouTube conta 39.30 milioni con un’audience +18 di entrambi i sessi. È la piattaforma di video sharing più diffusa e offre di tutto. Intrattenimento, tutorial, webinar, conferenze, dirette, branded content e molto altro ancora su tantissimi argomenti. 

Nello specifico, per un’azienda offre la potenzialità di avere uno spazio correlato alle ricerche di video “how to” su ogni argomento. Avere uno spazio su YouTube può essere utile a costruire una brand awareness più solida ed un atteggiamento positivo verso il brand. 

Se decidi di aprire un tuo canale YouTube aziendale considera bene quali sono gli obiettivi che vuoi perseguire e per chi vuoi pubblicare i contenuti, e una volta che hai la risposta puoi iniziare a condividere. 

Per aumentare le views crea titoli che piacciono a Google e YouTube, scrivi descrizioni accattivanti, rilevanti e utili. Puoi creare playlist e invitare le persone a iscriversi e a condividere. Ricorda che nemmeno a YouTube sfugge l’ottimizzazione. Qualità e pertinenza sono fondamentali.

Come aumentare followers e visualizzazioni su TikTok

TikTok nel 2020 conta 5,4 milioni di utenti solo in Italia. È il settimo social network più popolare. Più del 40% degli utenti sulla piattaforma ha tra i 16 e i 24 anni, che si sbizzarriscono con video divertenti e gli UGC.

TikTok può essere utile per diffondere il proprio brand in rete, sia in maniera organica sia tramite TikTok Ads. 

Non è adatto ad ogni tipo di business, ma se la presenza online per te è importante forse può fare a caso tuo. Rispetto ad altri canali, se il tuo obiettivo è la conversione finale TikTok Ads non è molto adatto. È difficile convertire un utente da un video sponsorizzato. 

Ma se vuoi aumentare l’engagement nei tuoi confronti allora puoi sfruttare le potenzialità di questo mezzo. Il suo punto forte è proprio lo User Generated Content e Hashtag, attraverso cui è possibile comparire nei “per te”. 

La potenza di TikTok sta nell’attivismo e creatività degli utenti che si divertono a creare video creativi anche sui prodotti o servizi generando viralità e brand awareness.

Come usare LinkedIn per la tua attività

Un altro social che puoi tenere in considerazione è LinkedIn – la piattaforma di professional networking per eccellenza. Oltre ad essere un canale ideale per B2B e B2C è ottimo per fare marketing e promuovere l’azienda, ma anche come strategia di acquisizione clientela.

Il suo punto di forza è quello di espandere le conoscenze  e offrire l’opportunità alle aziende di migliorare la propria immagine e reputazione.Vediamo dunque come sfruttare LinkedIn per attirare l’attenzione.

Le pagine aziendali curate in modo professionale, secondo i dati LinkedIn, generano il doppio dei visitatori. Pertanto se decidi di presidiare questo canale, vale la solita regola: studia il target, definisci l’obiettivo e cura la tua presenza in modo professionale.

Nel dettaglio, ecco alcuni accorgimenti che puoi adottare per crescere su questo social.

  1. Invita a connettersi con la tua Pagina: l’invito è esteso a collaboratori, dipendenti e professionisti del settore; sappi che sono proprio i tuoi dipendenti i migliori brand ambassadors capaci di generare un’immagine positiva nei tuoi confronti;
  2.  Contenuti di valore: pubblica contenuti che il tuo target apprezza, stila un piano editoriale e trova i giusti argomenti che puoi trattare. Non avere paura di esprimere la tua opinione, è una qualità sempre apprezzata;
  3. Visual: pubblica immagini, foto e video sono quelle che portano più interazioni e che piacciono al pubblico su qualunque canale ti trovi;
  4. Gruppi LinkedIn: partecipando a questa funzione di LinkedIn hai la possibilità di posizionarti come un’esperto del settore, confrontarti con altri e ottenere tanta visibilità.
  5. Pagine Vetrina: LinkedIn è un alleato per la tua attività, e te lo dimostra offrendo questa funzione delle vetrine. Puoi mettere in evidenza le features, i prodotti o i servizi del tuo business;
  6. LinkedIn ads: come per Facebook e Instagram puoi promuovere la tua presenza sulla piattaforma. Ogni azione risponde a obiettivi diversi quindi puoi valutare se puntare su post sponsorizzati, ads testuali oppure su sponsored InMail.

Sponsorizzate: Facebook Ads e Google Ads

Social Media per business

Può darsi che vuoi ottenere risultati immediati e portare più clienti sul tuo e-commerce. In tal caso una strategia di Advertising può fare a caso tuo. Si tratta di campagne pubblicitarie attraverso cui sponsorizzare contenuti ad un’audience più vasta. 

Quando e perché investire su Google Search o Social Media?

Google Search è imbattibile se il tuo brand è già conosciuto e associato ad una categoria di bisogni. Le campagne di Google Ads sono ideali per intercettate qualcuno che sta cercando proprio quello che offri tu. È utile soprattutto per tutte le aziende che vendono prodotti direttamente al pubblico. Si possono pubblicare annunci a pagamento su Google, in diversi spazi (ad esempio: display ads, research) per intercettare i consumatori attraverso le parole chiave.

Ecco altri vantaggi se compri le keywords:

– vantaggio rispetto ai risultati organici (o dei concorrenti);

– raggiungere i potenziai clienti mentre stanno attivamente cercando un prodotto o servizio che offri;

decidere quello che viene scritto nell’annuncio: se il risultato è organico è Google che decide le keywords che dovranno comparire, quando invece si acquistano le keyword sei tu a impostare l’annuncio.

Se invece vuoi creare awareness o far conoscere qualche caratteristica non conosciuta della tua offerta, Google non serve (chi cerca qualcosa che non conosce?), quindi opta per i social network per farti vedere e per chi ancora non sa niente di te.

Con Facebook Ads  è possibile progettare campagne e annunci da inviare ad un pubblico personalizzato grazie alle sponsorizzate Facebook e Instagram. Il suo punto forte è la targetizzazione. Puoi raggiungere il pubblico in base a:

  1. Luogo: nelle specifiche città, comuni, quartieri;
  2. Dati demografici: età, genere, istruzione;
  3. Interessi: interessi e hobby;
  4. Comportamenti: comportamenti di acquisto o uso di dispositivi; 
  5. Connessioni:  persone connesse a qualche tua iniziativa o pagina Facebook.

Il vantaggio di entrambe le sponsorizzate è che il messaggio pubblicitario verrà mostrato solo alle persone che hanno un interesse o una connessione con il tuo prodotto, servizio o settore.

Può interessarti anche: SEO e SEM: qual è la strategia migliore per il tuo brand?

Come acquisire clienti con Google My Business

Google My Business

Tra le strategie ecco alcune che permettono una crescita organica del e-commerce e che contribuiscono ad attirare i visitatori senza ricorrere a eccessive notifiche o pubblicità che creano disturbo e possono allontanare il consumatore. Ma soprattutto parliamo di strumenti capaci di guidare letteralmente il consumatore verso l’azienda.

Google My Business

Google My Business permette di pubblicare informazioni relative all’attività di business offrendo anche la possibilità di interazione con i clienti e i visitatori, tramite domande e riposterecensioni e immagini da condividere.

Per attivarlo è sufficiente possedere un indirizzo Gmail e aprire un profilo su cui collegare immagini e link al sito, e inserire tutti i dettagli: indirizzocontattiimmagini.

Il motto di GMB è “fatti trovare dai tuoi clienti” infatti il suo punto di forza sta proprio nella Geolocalizzazione. 

Immaginiamo tu abbia una pizzeria a Napoli. Con GMB puoi fare in modo che, ogni volta che qualcuno scrive “pizzeria Napoli” e si trova nelle tue vicinanze, Google Maps ti segnalerà come pizzeria nei dintorni. Non male per una “semplice” scheda di attività. 

Se vuoi scoprire di più, leggi anche: Google My Business: come funziona e perché usarlo

E-commerce

Se già possiedi un negozio, puoi valutare l’e-commerce come un’estensione del negozio tradizionale. Ci sono diverse opzioni sul come ampliare la tua attività nel digitale, puoi di fatto orientarti per un portale e-commerce o decidere di vendere su Amazon.

Se decidi di avviare un’e-commerce il vantaggio è quello di poter presentare l’offerta ad un pubblico molto ampio, e dunque farti conoscere da una platea di potenziali consumatori. 

Aprire un’e-commerce è facile ma questo non significa che il percorso è privo di burocrazia o tecnicismi. Di fatto, dovrai ripensare l’iter burocratico di avviamento, i rapporti con i fornitori, la logistica, il materiale, modalità di pagamento, spese e spedizione.

È comprensibile che a questo punto ti senta confuso, sono tanti dettagli da processare. Non scoraggiarti. Il consiglio è di rivolgersi agli esperti per avere una consulenza e guida in ogni passo del tuo progetto.

Prima di avventurarti in questo mondo valuta l’investimento analizzando i trend di mercato, la concorrenza e le loro strategie di marketing e comunicazione. Questi elementi ti faranno capire cosa si aspetterà da te quando sarai online.

In base al prodotto o servizio che offri sarà necessario pensare esattamente cosa desiderano i tuoi clienti, come si comportano, quali sono gli elementi cruciali che li porteranno a comprare proprio da te. 

Ad oggi è importantissimo prevedere le politiche di reso, garanzie, assistenza clienti, possibilità di lasciare valutazioni o recensioni. Ascoltare il cliente è un buon punto di partenza per migliorare la tua attività e la tua relazione con i consumatori. 

Per aumentare la visibilità nel 2021 bisogna sfruttare l’omnicanalità e puntare, soprattutto, sul content marketing e reattività del sito. Una buona strategie per acquisizione clienti è quella di curare e promuovere l’e-commerce on-site e off-site. Dunque è possibile integrare in una strategia le sponsorizzate sui social o motori di ricerca, l’email marketing e soprattutto SEO, a cui dedichiamo un paragrafo successivamente.  

Ad oggi è fondamentale il mobile perciò ripensare questa estensione in ottica di m-commerce costituisce un ulteriore vantaggio rispetto ai competitor.

Se vuoi approfondire l’e-commerce, leggi anche:

Aprire un negozio on line: tutti i vantaggi e le strategie

Cosa e come vendere online

• M-Commerce: nuove opportunità per vendere online

Negozio Amazon

Vendere su Amazon

Amazon è il più grande rivenditore di e-commerce online. Si tratta di una piattaforma che permette di vendere in Italia e anche in gran parte d’Europa. È un alleato per l’attività commerciale ed un’ottima strategia per attrarre e acquisire clienti. 

Per vendere i prodotti su Amazon non è necessario avere un sito web o un magazzino, infatti uno dei tanti vantaggi è proprio il poter usufruire della logistica amazon ed essere reperibile per milioni di persone quotidianamente.

Per iniziare bisogna conoscere tutti i passaggi di apertura del negozio Amazon: attivazione dell’account Amazon seller central, registrazione dell’attività, consegna dei documenti e tutto il corollario di procedimenti che servono a far funzionare il profilo. Una volta conclusi questi passaggi, puoi iniziare a gestire il tuo inventario su Amazon.

Per approfondire, leggi anche: Aprire un negozio Amazon: la guida definitiva

Amazon è affidabile, veloce e sicuro. Dunque chiunque venda con marchio Amazon automaticamente ottiene la fiducia dei consumatori, soprattutto in termini di sicurezza del pagamento e tempi di consegna. Riassumiamo meglio alcuni suoi vantaggi:

  1. Miliardi di visitatori in tutto il mondo;
  2. Logistica e spedizioni gestite dal portale;
  3. Assistenza;
  4. Costi vantaggiosi e contenuti;

Leggi anche: Come funziona la logistica di Amazon FBA

Per rendere visibile la vetrina su Amazon e posizionarla meglio rispetto ai competitor, è necessario realizzare descrizioni dei prodotti ottimizzati e accattivanti per i clienti. Insomma, devi allestire la tua vetrina per colpire nell’occhio!

Nello specifico bisogna dedicare particolare attenzione a: title, bullet points, descrizione prodotto e immagini. Sono elementi che determinano la tua capacità di comparire in prime pagine su Amazon quando si cerca una categoria di prodotto.

Parliamo di una vetrina esposta quotidianamente e senza pagare la pubblicità!

blank

SEO

SEO

Aprire un negozio online porta enormi vantaggi al tuo business, soprattutto in termini di acquisizione clientela nuova. Quando sei online chiunque può affacciarsi alla tua vetrina 24 ore su 24. Puoi scegliere tra diverse opzioni: piattaforma e-commerce proprietaria, open source, oppure, se sei un piccolo produttore, puoi lanciare la tua vetrina su Amazon. 

Fatta la scelta più adatta ai tuoi obiettivi di business adesso devi capire come renderti visibile. Per apparire in SERP è possibile applicare due tecniche di marketing: SEO e SEM.

SEO – Search Engine Optimization è l’insieme delle tecniche che permettono di migliorare il tuo sito web e apparire nelle prime posizioni sui motori di ricerca. 

Il punto di forza di questa tecnica sta nella crescita organica della visibilità costruita sulla base della scrittura strategica in ottica SEO. Infatti, l’efficacia risiede nella ricerca delle keyword principali che vengono strategicamente inserite in alcune elementi fondamentali, tra cui: titolo, metadescription, testo, immagini e URL.

Se ti interessa come attrarre clienti in modo organico allora la strategie SEO fa a caso tuo. I risultati della SEO sono a lungo termine e permettono di posizionare meglio il sito web nelle prime pagine dei risultati di ricerca di Google.

A differenza delle sponsorizzate, che caratterizzano attività SEM, dove una volta che si finisce il budget tutta la crescita si arresta, con SEO puoi emergere senza limiti di spesa e ottenere risultati costanti e crescenti nel tempo soprattutto nell’ambito dell’acquisizione clientela. Uno dei punti di forza di Inconnect è proprio l’ottimizzazione SEO dei siti perciò contattaci pure per qualsiasi informazione.

blank

Conclusioni

Per attirare e conquistare nuovi clienti esistono svariate strategie online e offline. In questo articolo abbiamo elencato alcune strategie web più efficaci per far crescere l’e-commerce, cavalcare la tendenza e competere sul mercato. 

Le potenzialità di ogni attività sono tante, bisogna avere le idee chiare e conoscere a fondo il settore, i consumatori ed il mercato con le sue evoluzioni. Cogliere l’attimo per te significa avere il vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza.

Lavorare soprattutto con SEO e l’ottimizzazione costante ha dimostrato risultati notevoli nel corso degli anni. Per raggiungere risultati concreti, a lungo termine e avere un aumento delle vendite, contattaci e ti aiuteremo a mettere in pratica la strategia giusta per te!