Come registrare un marchio – Brand Registry di Amazon

come registrare un marchio

Cos'è un marchio e perché si dovrebbe registrare

Il marchio è qualunque segno grafico che sia in grado di distinguere e certificare un determinato prodotto dai suoi concorrenti. Per un business rappresenta una garanzia di qualità e autenticità. Per far si che venga considerato tale, occorre che sia registrato – un marchio registrato è indicato con la sigla ®. –

La registrazione garantisce al titolare il diritto di esclusività di utilizzo di quel singolo marchio a fini pubblicitari (Diritto di Privativa).

Inoltre, molto spesso attrae più il marchio che il prodotto in sé ed i consumatori ripongono fiducia in esso prima ancora di conoscere un nuovo prodotto. Pensate ad un marchio ben affermato come Amazon o McDonald: questi nomi rappresentano un certificato di garanzia di grande valore nel mercato.

Perciò, anche per le piccole attività in formazione è conveniente registrare il marchio, in quanto potrebbe rilevarsi una decisione strategica nel futuro, ad esempio essere sfruttato per sponsorizzazioni o per fondare un merchandising.

La decisione di non registrare un marchio potrebbe compromettere l’immagine di un brand, come nell’eventualità che un’azienda concorrente utilizzi un marchio molto simile per vendere prodotti di qualità inferiore.

Come si registra un marchio?

Brevetti e marchi:

Innanzitutto, per depositare un marchio esso deve presentare delle caratteristiche uniche, che lo distinguano dai competitor, evitando così che il consumatore lo confonda con altri marchi. La registrazione avviene attraverso un percorso burocratico, al termine del quale il marchio aziendale potrà beneficiare della sua autenticità e validità.

Occorre, inoltre, fare una distinzione tra il marchio e la marca (brand). Questi ultimi due concetti rappresentano degli elementi intangibili dell’azienda, come la mission aziendale, la vision o la brand equity. La differenza sostanziale è che il marchio – rappresentando un prodotto tangibile come il logo o altri segni grafici – può essere registrato, mentre la marca no.

Qualsiasi elemento che compone il marchio può essere registrato: delle cifre, dei disegni, delle lettere, dei suoni o persino delle tonalità cromatiche.

Ne è un esempio il brand Tiffany&Co, che ha registrato come marchio nel 1998 la sua tonalità “Tiffany Blue®”, in modo che nessun’altra azienda potesse riprodurre quella stessa identica sfumatura – https://press.tiffany.com/our-story/tiffany-blue/. –

Per poter essere registrato, è necessario che il marchio rispetti le seguenti caratteristiche: deve essere nuovo, ossia non ricordare, né riprendere alcun marchio registrato esistente o già esistito in passato; distinto, ovvero essere in grado di differenziarsi e di indicare immediatamente il prodotto che rappresenta; infine deve essere lecito, cioè non offendere nessuno.

 

Quali sono le fasi di registrazione di un marchio?

1. Il primo passo da compiere quando si registra un marchio è controllare che sia idoneo alla registrazione, cioè che rispetti i vincoli elencati in precedenza – nuovo, distinto e lecito, ma che sia anche originale e autentico. – Una caratteristica fondamentale che non deve mai mancare è l’esclusività: deve essere unico nel suo genere e soprattutto chiaro.

2. Successivamente è opportuno effettuare una ricerca di anteriorità, per capire se è già stato adottato o per assicurarsi che non ne esistano di simili. A supporto di questa operazione ci sono diversi siti – come il portale dell’Organizzazione Mondiale della Proprietà Industriale – che consentono di svolgere una documentazione approfondita. In questo modo sarà possibile rintracciare eventuali simili marchi e contraddistinguere il nostro.

3. È poi necessario identificare la classe di appartenenza dei prodotti e associarla al marchio – la verifica può essere effettuata su un documento ufficiale reperibile online “La Classificazione di Nizza”. – A questo punto è possibile inoltrare la domanda.

La registrazione del marchio può avvenire secondo tre tipologie: italiano, europeo o internazionale. Questa classificazione indica che sarà protetto nel Paese o nei Paesi in cui è stato depositato.

Registrazione marchi camera di commercio (italiani)

La domanda può essere depositata presso la Camera di Commercio e Artigianato o presso il portale online UIBM nel quale è possibile scaricare il modulo necessario per richiedere la verifica del marchio. Esso successivamente viene registrato presso l’Ufficio Italiano di Marchi e Brevetti. La registrazione ha una validità di 10 anni, alla scadenza della quale è possibile rinnovarla presentando una nuova domanda.

Registrare marchio europeo

La procedura da seguire per la registrazione di un marchio valido a livello Europeo è la stessa, ma a cambiare è l’Ente a cui rivolgersi, cioè l’EUIPO. È possibile inoltrare la domanda sia con raccomandata (modello cartaceo), sia per via telematica, attraverso il sito ufficiale. Il marchio sarà valido in tutti gli stati dell’Unione Europea.

Registrazione marchio internazionale

La richiesta per la registrazione di un marchio internazionale deve essere inoltrata all’Ente OMPI o WIPO. Anche in questo caso è necessario compilare un modulo ufficiale. Il marchio sarà riconosciuto nei 97 Paesi che hanno firmato l’Accordo di Madrid.

Registrare un marchio su Amazon

Lo shopping online è oggi consuetudine della maggior parte degli utenti, è quindi fondamentale che le piattaforme di e-commerce garantiscano alle aziende la salvaguardia del loro marchio.

Amazon ha istituito il registro delle marche (Brand Registry) garantendo agli utilizzatori della piattaforma la tutela del loro marchio da eventuali rischi e minacce. Il Brand Registry è un sistema di controllo attivo, introdotto per impedire che si verificassero problemi di proprietà intellettuale. Esso non si basa su un’operazione manuale, ma opera attraverso degli algoritmi, i quali ispezionano le varie pagine per verificare che non vengano commesse delle violazioni di proprietà.

Gli utenti che si iscrivono al registro marche, ottengono un maggior controllo di tutte le pagine in cui sono presenti i prodotti relativi al loro business. Ciò è importante perché, per una singola impresa, possono esserci tanti rivenditori dei suoi beni; in questo modo il proprietario può controllare che le informazioni riportate sulle diverse pagine siano veritiere.

Amazon, con il Brand Registry è riuscito a bloccare più di 2,5 milioni di account disonesti, assicurando una riduzione del 99% delle violazioni sulle marche.

Note*

Come indicato sulla piattaforma Amazon, chiunque voglia creare nuove offerte o vendere dei prodotti deve utilizzare uno specifico codice identificativo del prodotto.

Amazon richiede ai venditori di fornire un codice GTIN (Global Trade Item Number) o codici UPC, ISBN, EAN, JAN e altri GTIN utilizzati per identificare i vari prodotti e colli in tutto il mondo. Nel caso in cui non si disponga di tali codici, deve essere richiesta – tramite una sezione specifica sulla piattaforma Amazon – l’esenzione dell’identificativo.

Il GTIN varia in base alla categoria del bene, ed è solitamente posizionato accanto al codice a barre sulla confezione del prodotto.

La registrazione presso il registro marche Amazon non fornisce un’esenzione al codice GTIN.

Chi e come può iscriversi al Brand Registry di Amazon

L’iscrizione può essere effettuata solo se già si è in possesso di un marchio registrato e può essere eseguita unicamente dal suo titolare. Egli potrà successivamente aggiungere altri utenti e abilitarli agli strumenti che offre il Brand Registry.

Si può accedere al registro marche con le stesse credenziali dell’account Sell Central o Vendor Ufficial, oppure, nel caso in cui non si dispone di un account, è possibile crearne uno gratuitamente.

Una volta effettuato l’accesso è necessario registrare il marchio o le marche. Le informazioni che Amazon richiede sono le seguenti:

  • Possedere un marchio già registrato attivo, il quale deve comparire sui prodotti o sull’imballaggio;
  • Il numero di registrazione del marchio (viene fornito dall’ufficio per la proprietà intellettuale);
  • Scegliere una categoria di prodotto nella quale verrà inserita il marchio.

Una volta inviate tutte queste informazioni Amazon verificherà l’effettiva proprietà dei diritti del marchio e procederà alla registrazione alle funzioni del Registro Marche.

Ti potrebbe interessare anche: Aprire un negozio Amazon: la guida definitiva [2021]

Per tutelare il tuo business è fondamentale effettuare la registrazione del marchio. Con l’utilizzo di internet, esso è più esposto a rischi di contraffazione, abuso, appropriazione illecita e molto altro. È bene quindi proteggerlo ed essere provvisti del diritto di esclusiva sull’utilizzo del marchio.

I marchi registrati permettono al titolare di difenderli da chiunque voglia depositarne uno analogo e di attuare un monopolio, vietando a chiunque l’uso improprio

Sappiamo che sono tante informazioni che vi abbiamo fornito, e che non sono semplici le procedure da rispettare. Ma non preoccupatevi.

Inconnect vi da l’opportunità di confrontarvi con un Amazon Specialist con il quale potrete parlare delle soluzioni più vantaggiose per il vostro business e che vi seguirà durante tutte le fasi della registrazione.

Quindi non esitate a contattarci anche solo per chiederci delle informazioni! Saremo lieti di aiutarvi.